Vita di bordo sulla MSC Lirica: quando si mangia?

Si mormora che in crociera si mangi sempre.
E’ vero.
Non si è obbligati a farlo, ma tale e tanta è la maestria dei cuochi di bordo che le tentazioni di moltiplicano nell’arco della giornata.

Sulla MSC Lirica la colazione si può fare dalle 6:30 alle 12:00, ad orari differenziati, in camera, al ristorante a buffet, al ristorante alla carta oppure al bar all’aperto dove i cornetti sono gratuiti appunto fino alle 12:00.

Per il pranzo si può scegliere ancora tra il ristorante a buffet oppure quello alla carta. In alternativa c’è la pizzeria che sforna fino alle 19:00 oppure, nel lato opposto fino alla stessa ora, sono disponibili hamburger e hot dog. Dalle 16:00 alle 17:00 è possibile prendere un the con pasticcini e dolci al buffet oppure, in una occasione, partecipare al the elegante al ristorante alla carta.

Il the elegante richiede un abbigliamento informale, il che, nel linguaggio MSC, significa giacca e cravatta ma senza impegnarsi più di tanto, uno spezzato va benissimo.

Il tavolo è apparecchiato con dei vassoi a tre piani pieni di pasticcini. Si è contornati da camerieri che versano il the mentre due violinisti eseguono brani di musica classica. Un’esperienza chic alla Lord Sinclair, per chi ricorda i telefilm di Attenti a quei due.

A cena di nuovo si sceglie tra il buffet oppure il ristorante alla carta in due turni, il primo alle 18:30, tipicamente per stranieri, e il secondo alle 20:45.

Il menu alla carta della cena presenta quattro scelte per ciascuna portata. Ogni sera è dedicata a una regione italiana per cui è possibile scegliere direttamente il menu regionale oppure combinare le portate come meglio si crede. Nel corso degli 11 giorni di crociera abbiamo avuto tre serate di gala. In queste occasioni l’abbigliamento consigliato è appunto di gala, un completo per gli uomini va bene ma la prossima volta porterò lo smoking perché ritengo più appropriato. Ho parlato di abbigliamento maschile perché quello femminile è molto più vario e fantasioso.

La terza modalità di abbigliamento è quella casual, che comunque per gli uomini prevede sempre i pantaloni lunghi. Casual, informale o gala viene indicato sul programma per il giorno successivo che viene recapitato in camera la sera. Il programma, di quattro pagine, contiene tutto ciò che è necessario sapere: orari dei pasti, degli spettacoli, di arrivo in porto e molto altro ancora.

Nel corso della crociera sono anche previsti tre cocktail con il capitano, in coincidenza con le serate di gala. Due sono aperti a tutti e uno è riservato ai VIP, ovvero coppie in luna di miele, repeaters e simili.

Inoltre vengono organizzati dei buffet di mezzanotte. Il più bello è quello dell’arrivederci che è arricchito da stupende opere d’arte realizzate con il burro, con i cocomeri, con la cioccolata, con il ghiaccio e così via.Nelle sere in cui non sono previsti buffet comunque i camerieri girano con vassoi colmi di panini, tramezzini o dolcetti.

Per non lievitare occorre saltare qualcosa e trattenersi ogni tanto. Comunque a prua è disponibile una bella palestra e sul ponte principale è disegnato un percorso di 200 metri per camminare o fare jogging.

Dietro alle prelibatezze che vengono servite sulla nave c’è il lavoro di 150 persone, di cui 100 cuochi e 50 tra lavapentole e addetti alla pulizia. Mediamente in una crociera vengono consumati 2,500 l di olio, 4.000 kg di carne, 5.000 kg di pesce, 5.000 kg di farina e 1.000 kg di zucchero.
La pasticceria occupa undici persone che sfornano giornalmente 3.000 cornetti e impiegano 100 kg di zucchero, 100 l di latte e 1.000 uova per la preparazione dei dolci quotidiani.
6 persone si alternano per 15 ore al giorno nella macelleria. 4 lavorano 210 kg al giorno mentre in 2 si occupano dei 200 kg di pesce.
7 panettieri consumano quotidianamente 400 kg di farina per produrre 600 kg di pane e svariate pizze.
6 cuochi cucinano per l’equipaggio consumando ogni giorno 100 kg di riso, 50 di pasta, 140 di carne, 100 di pesce, 350 di verdura e 20 kg di uova.

I dati sono stati forniti dal capitano nel corso di un incontro molto interessante durante il quale ha illustrato le caratteristiche della nave e risposto alle domande dei presenti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *