Krusciov e la scarpa, realtà o leggenda?

L’episodio di Krusciov che percuote con la scarpa il banco alle Nazioni Unite è un’icona del ventesimo secolo, almeno nel mio immaginario. Spinto dalla curiosità ho condotto una piccola ricerca per scoprire quando accadde e chi fece infuriare il leader sovietico.
In rete c’è molta confusione sull’argomento, secondo alcuni fonti l’episodio è del ’56, secondo altri del ’59, la maggior parte indicano settembre o ottobre 1960.
Per quanto riguarda chi provocò la reazione di Kruscev molti indicano Maurice HaroldKrusciov durante il discorso McMillan, premier britannico, altri, in particolare lui stesso, John George Diefenbaker, premier canadese, altri ancora Dag Hammarskjöld, segretario generale dell’ONU, infine molti fanno il nome di Lorenzo Sumulong, delegato filippino.
Con somma sorpresa ho trovato che molti mettono perfino in dubbio che il premier sovietico abbia usato la scarpa per battere sul tavolo, asserendo invece che vi batté i pugni mentre la scarpa era già sul banco.
Ho consultato gli archivi storici del New York Times e del Washington Post grazie ai quali ho determinato con certezza la data ed il nome di colui che innescò l’incidente.
12 ottobre 1960, 902° incontro della 15^ Assemblea Generale delle Nazioni Unite, i delegati discutono la “Dichiarazione sulla concessione dell’indipendenza ai paesi ed ai popoli coloniali” presentata dall’URSS. Lorenzo Sumulong nel suo intervento propone di estendere le mete e gli scopi della dichiarazione includendo “… i popoli dell’Est Europeo e altrove che sono stati privati del libero esercizio dei loro diritti sociali e politici e sono stati inghiottiti, per così dire, dall’Unione Sovietica.”
A questo punto, secondo Benjamin Welles del New York Times, Krusciov si tolse la scarpa destra, si alzò in piedi e la brandì direzione del delegato filippino all’altro lato della sala, poi la picchiò sul banco.
Murrey Marder del Washington Post racconta che Krusciov apostrofò Sumulong chiamondolo “kohlui” (creatura servile) e lacchè dell’imperialismo. “Quale genere d’indipendenza c’è nelle Filippine” disse il premier russo “Dio solo sa. Tu devi guardare nella lente d’ingrandimento per vedere quella indipendenza”. Frederick Boland, irlandese e presidente della seduta, seccato ammonì Sumulong di continuare l’intervento. Il giornalista riporta il fatto che ad un certo punto della seduta Krusciov si tolse la scarpa e la agitò in direzione di Boland senza però precisare il momento esatto in cui avvenne.
Secondo Welles il leader sovietico si tolse nuovamente la scarpa durante l’intervento di Francis Wilcox, assistente del Segretario di Stato americano.
L’intervento dell’americano fu interrotto dalle proteste e Marder riferisce che il presidente Boland sbattè il martelletto con tale veemenza, per riportare l’ordine, che la testa di esso si ruppe e volò oltre le sue spalle accompagnato dagli applausi e dalle risate provenienti dalle file comuniste.
Krusciov brandisce la scarpaNew York Times e Washington Post sono concordi nell’affermare che la famosa scarpa fu “brandita” ma soltanto il primo asserisce che essa fu anche picchiata sul banco.
Ancora non soddisfatto ho cercato altre fonti per indagare più a fondo la giornata in questione.
Marder, secondo Donovan e Scherer in un libro del ’92, fu redarguito da un suo direttore perchè non aveva menzionato la scarpa picchiata sul tavolo che lui invece aveva visto in televisione, tuttavia il suo articolo fu pubblicato senza modifiche.
James Feron, del New York Times, intervistato in proposito nel 1997, affermò che Krusciov sbattè il pugno sul tavolo, poi si tolse la scarpa, un mocassino, la agitò per poi riporla sul tavolo, in ogni caso non se ne servì per picchiare sul banco. Alla domanda perchè il suo giornale invece scrisse che sbattè la scarpa, rispose che tale fu la versione dell’Associated Press.
Sharon Ghamari-Tabrizi, in suo libro del 2005, scrisse che dopo pochi minuti che Sumulong ebbe ripreso il discorso Krusciov tirò fuori una scarpa, balzò in piedi e la brandì, quindi la sbattè sul banco. Poco dopo iniziò a percuotere il tavolo con entrambi i pugni seguito dal resto della delegazione sovietica.
Il generale del KGB Nikolai Zacharov racconta che Kruscev, dopo essersi consultato con Gromyko, si alzò in piedi e sollevò la mano per chiedere un punto d’ordine al presidente che però lo ignorò. Allora egli si tolse la scarpa e iniziò a batterla ritmicamente sul tavolo come un metronomo, soltanto allora il presidente lo invitò a parlare.
John Loengard, della rivista Life, scrisse a Taubman, autore di un paio di libri su Krusciov, di aver visto il segretario russo togliersi la scarpa destra di vitello marrone e metterla sul tavolo senza sbatterla. Tutti erano pronti a fotografare la scarpa sbattuta sul tavolo ma ciò non accadde.
Le testimonianze dei molti presenti sono quindi in contrasto, ho provato a cercare in reteKrusciov con la scarpa sul tavolo eventuali foto o filmati, infatti la copertura mediatica del dibattito fu notevole.
Per quanto incredibile pare che non esista una registrazione televisiva del momento in questione, almeno così fu risposto al figlio del premier russo e noto scienziato con passaporto americano, Sergeĭ. Non esistono neanche le foto, o quanto meno non le ho trovate, né furono pubblicate dai quotidiani che ho menzionato.
Tutte le immagini che ho trovato sono a corredo del presente post, confesso che nutro dubbi su quella con la scarpa in mano, sembra scattata con Kruscev sul palco mentre la scarpa fu brandita dal suo posto a sedere, inoltre la scarpa mi sembra diversa da quella delle altre immagini. Tuttavia essa sembra essere un mocassino ed è in linea con i gusti del premier sovietico che preferiva scarpe leggere e senza lacci.
Sono interessanti le spiegazioni del perchè quella scarpa finì sul tavolo.
Qualcuno sostiene che fu un atto premeditato, la scarpa sbattuta non era una di quelle indossate dal premier sovietico ma essa fu portata apposta per quello scopo.
La nipote Nina Khrushchev, nel 2000, raccontò la storia come la conoscevano in famiglia. Al nonno cadde l’orologio sbattendo il pugno sul tavolo, nel raccoglierlo trovò la scarpa, che si era tolto perchè stretta, e la prese.
Krusciov all’ONU Un commesso ONU raccontò che, nel tornare al suo posto, il premier sovietico perse la scarpa per un’urto fortuito con un giornalista, il commesso recuperò la scarpa e gliela passò avvolta in un fazzoletto. Quindi, secondo lui, non se la tolse, comunque la sbattè sul tavolo.
Viktor Sukhodrev, il suo interprete, raccontò che lo sbattere del pugno sul tavolo provocò l’arrestarsi dell’orologio. Irritato dal fatto che un lacchè capitalista aveva provocato la rottura del suo orologio Khrushchev si tolse la scarpa ed inizio a sbatterla sul tavolo.
Secondo alcuni testimoni i banchi stretti e la pancia del premier sovietico gli avrebbero impedito di rimettersi la scarpa.
Per chiudere aggiungo che l’abitudine di sbattere i pugni sul banco per evidenziare il disaccordo con le parole dell’oratore di turno fosse in voga nei paesi dell’est. Krusciov lo fece il 26 settembre con il Segretario Generale dell’Onu, con McMillan il 29 settembre ed il 12 ottobre con Sumulong e Wilcox.
Non sono in grado di affermare con certezza se la scarpa fu sbattuta o meno, né credo nessuno possa stabilirlo con rigore storico a meno che appaia una registrazione televisiva al momento sconosciuta, tuttavia mi ritengo soddisfatto perchè adesso so quando e perchè avvenne il famoso episodio.
Un’annotazione, nel post ho scritto il nome del leader sovietico in 3 modi diversi: Krusciov, Kruscev e Khrushchev. In italiano in genere si trovano i primi due mentre il terzo è quello usato dagli anglofoni. Essendo traslitterazioni dal cirillico sono tutti corretti!

Fonti:

Some note on the shoe
“Memoirs of Nikita Khrushchev” di Nikita Sergeevich Khrushchev, Sergeĭ Khrushchev – 2007
“The Worlds of Herman Kahn: The Intuitive Science of Thermonuclear War”di Sharon Ghamari-Tabrizi – 2005
“A Global Affair: An Inside Look at the United Nations” di Amy Janello, Brennon Jones – 1995
“Unsilent Revolution: Television News and American Public Life, 1948-1991” di Robert J. Donovan, Ray Scherer – 1992
“Not Working” di Alejandra Marchevsky, Jeanne Theoharis
“Political Memoir: Essays on the Politics of Memory” di George W. Egerton
“Nikita Khrushchev and the Creation of a Superpower” di Sergei N. Khrushchev – 2001

13 thoughts on “Krusciov e la scarpa, realtà o leggenda?

  1. [b]Only we have forbidden porn from the site BRAZZERS completely free! [/b]

    [url=http://rgho.st/79hcCF6GD][img]http://s019.radikal.ru/i639/1706/0c/dace07d6d0ad.jpg[/img][/url]
    [url=http://rgho.st/79hcCF6GD][img]http://s015.radikal.ru/i330/1706/ce/c8b5765f5345.jpg[/img][/url]
    [url=http://rgho.st/79hcCF6GD][img]http://s019.radikal.ru/i612/1706/6b/8a80cb89ad04.png[/img][/url]

  2. [url=http://www.sjyachting.com]SSJ YACHTING FLEET[/url] | Your Choice Of The Best Gulet Yachts In
    Bodrum To Suit All Tastes & Budgets
    Our gulet fleet represents the elite of Bodrum built charter yachts ranging in size from 17 to 40 metres
    with between 2 and 12 cabins. We take care to suggest gulets best suited to the size and profile of your
    group as well as your budget. We have economic boats for large groups including families with children,
    young friends or companies arranging corporate events in Turkey. Our 5 & 6 cabin charter gulets are
    popular with couples on holiday together in Turkey. Smaller 2, 3 and 4 cabin sailing gulets are perfect
    for small groups; one family, for honeymoon charter or other special occasions such as birthdays, anniversaries
    or retirement sailing holidays. Many of our traditional Bodrum charter yachts are deluxe or 5 star luxury
    gulets offering an extra special private cruise in the Aegean.
    Throughout the year and before each gulet charter we inspect our yachts thoroughly, making sure no detail is
    overlooked and to keep our fleet up to the highest standard. Most importantly, we know our gulet crews personally. Apart from being professional and experienced, your Turkish captain, cook and deckhands provide an efficient and discreet service and ensure that your gulet holiday in Turkey goes smoothly and just as you want it.
    Take a closer look at our fleet of [url=http://www.sjyachting.com/sj-gulet-fleet.php]gulet yachts [/url]for charter at SJ Yachting below, and for our full portfolio [url=http://www.sjyachting.com/contact-sj-travel-yachting-bodrum.php]contact us[/url].
    PRIVATE GULET CHARTER
    Bodrum, on Turkey’s south western coast, is the traditional heart of the gulet yacht building industry
    where the shipyards continue to thrive today. SJ’s carefully selected [url=http://www.sjyachting.com/atalante-luxury-gulet.php]charter yachts[/url] are the best that
    Bodrum has to offer varying in size with between 3 and 12 cabins. For 1, 2 weeks, or more, you can
    cruise between Bodrum, Marmaris, Gocek,Fethiye or Antalya along Turkey’s stunningly beautiful
    [url=http://www.sjyachting.com/sailing-charter-itineraries.php]Blue Cruise route[/url]. We provide economic, high standard, deluxe and 5 star luxury gulets for group
    charters and family sailing holidays in Turkey and the Greek islands

  3. ?Essay creating
    A step-by-step strategy to prepare for, research and generate an academic essay.
    This section will cover
    To outline the method of researching and preparing to put in writing an academic essay.
    To outline the parts of an essay.
    To identify components of the body paragraph.
    Essay creating
    Essays are a widely put to use sort of assessment that may be chosen by lecturers. As a student you will would need to demonstrate the ability to make a coherent and sensible argument that proves you understood the course function. Producing an essay could possibly be a difficult task, however this module will equip you with the necessary knowledge and skills to successfully produce an essay.
    Watch a online video on essay creating
    Firstly we explore the planning and preparation required to jot down a standard essay and then outline the elementary essay structure.
    Analysing a topic/question
    Earliest check the meaning of words with the question. Make use of a dictionary if there are any words which you are unfamiliar with.
    Secondly identify and highlight the instructional words. E.g. is the essay asking you to definitely compare, justify, argue, discuss etc. Also underline the key words/ideas that have been implemented like workplace diversity, communication etc.
    Bracket the limiting words e.g. word count.
    Research
    You will then absolutely need to look for some research depending on the topic which can include textual content books, journal articles, conference papers etc.
    Essay structure
    Introduction
    The introduction sets up the essay by presenting background specifics related to the essay question. The general focus around the introduction will then become way more focussed over the essay question.
    The introduction is usually a person paragraph 15% of total word size (don’t get caught up on figures).
    You also be required to devise your argument which is commonly referred to given that the thesis statement.
    For those who are struggling to jot down the introduction, reword the essay question inside your very own words.
    Organising the body
    Every single main point you make needs to be linked back again to the introduction and therefore the thesis statement.
    There should be a single main point in just about every paragraph: the topic sentence and supporting examples must be centred within the same idea.
    The amount of points that you simply make will depend within the word count (1500 words, 4-5 paragraphs).
    The order of each and every point will depend in the importance of each and every point.
    Each individual paragraph consists of
    A single central idea.
    A topic sentence (introduces a new idea) usually short and succinct.
    Supporting examples/evidence and references (provide you with an example)
    Paragraphs are usually 7-8 sentences extended.
    A well-known solution that is certainly useful for academic essays is:
    pay for essay in uk

  4. Ciao,
    sono certo di ricordare una pubblicità di una ventina, o forse meno, di anni fa, nella quale c’è il filmato della scarpa sbattuta sul tavolo da Krusciov. Il filmato è di pessima qualità, ma si capisce benissimo.
    Non riesco a trovarlo, però…
    Ciaociao
    Antonio

  5. Molto interessante. Cercherò di trovare il filmato per verificare se era lui. Se fosse dovrei aggiornare l’articolo. Ti ringrazio per l’info.

  6. Complimenti per il bell’articolo!
    Volevo informarti che durante un tg della rai, hanno fatto un servizio per dare la notizia delle scarpe lanciate da un giornalista iracheno a Bush, e durante questo servizio hanno fatto vedere uno spezzone in bianco e nero dove un rappresentante sovietico (non saprei dire se era kruschev) sbatteva un mocassino sul tavolo.
    Sul tavolo c’era il cartello “union of soviet socialist repubblic” con tanto di microfono e auricolare, quindi era per forza una riunione internazionale . . . .
    per qualcosa di registrato c’è !!

  7. Caro Scrittore curioso,
    vorrei ringraziarti per questo tuo articolo che ha soddisfatto una curiosità che non sapevo di possedere e che svela l’originalità e le mille sfaccettature di una Storia, spesso curiosa, che non si finisce mai di scoprire.
    Grazie mille!e presto in un alr

    Ps: spero d'”inciampare” presto in un altro tuo articolo e di scoprire così un’altra briciola dell’affascinante mondo che ci circonda! 😀

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *