Dai Minute Men di Concord alle streghe di Salem

A Concord visitiamo il Minute Man National Historical Park, andiamo al North Bridge dove avvenne lo scontro tra patrioti e soldati inglesi con i primi morti inglesi della guerra d’indipendenza. Fu la prima volta che gli americani spararono sugli inglesi, nelle intenzioni dei minute man non avrebbe dovuto esserci lo scontro, ma il fumo che videro alzarsi da Concord fece loro pensare che gli inglesi stessero bruciando le loro case, allora assaltarono il ponte. Il ponte non è più quello originale, è stato ricostruito più volte, le ultime tre a causa di due inondazioni e di un uragano.
Da Concord ci spostiamo a Lexington, nel luogo del primo scontro tra i 700 soldati inglesi arrivati da Boston per confiscare le armi nascoste a Concord. Gli inglesi fecero fuoco sui 77 patrioti che si stavano ritirando uccidendone otto.Il Battle Green è adesso un giardinetto al centro della città.
Ci spostiamo a Marble Head, nella Abbot Hall ammiriamo il dipinto Spirit of America, poi, dopo aver fatto un giro nel distretto storico, raggiungiamo il Marble Head Light. Il faro non è bello però situato su un promontorio roccioso con un panorama stupendo.
Lasciamo Marble Head per andare a Salem. Vediamo dall’esterno molte case storiche tra cui la Custom House e “The house of seven gables”; al Derby Wharf è ormeggiata la bella replica della Friendship of Salem, l’originale del 1797 fece 15 volte il giro del mondo ai tempi in cui i commercianti di Salem intrattenevano rapporti con l’intero globo. Nel settembre del 1812, di ritorno dalla Russia, la nave fu catturata dagli inglesi, il capitano non era al corrente dello scoppio delle ostilità avvenuto in giugno. Essa fu messa all’asta a Londra nel 1813.
Visitiamo il Witch Museum per 7 $ a testa con sconto AAA. Non è un vero e proprio museo, ci fanno accomodare in una grande sala buia, una voce registrata inizia a narrare le vicissitudini della caccia alle streghe del 1692 e in corrispondenza ai fatti narrati si illuminano dei vani nelle pareti con le scene della storia. I personaggi sono statue di cera. A richiesta è disponibile un walkman con un nastro in italiano da avviare quando parte la narrazione principale che è in inglese. Alla fine furono giustiziate 19 persone, altre 3 morirono in prigione ed una morì durante una tortura a base di schiacciamento. Centinaia presunti adepti del diavolo furono incarcerati.
Notiamo che i prezzi dei ristoranti e dei negozi sono i più bassi visti sin qui, il pranzo a base di pesce ci costa meno di 100 $ in 5, io mi sono astenuto preferendo rimanere a fotografare le case storiche (sto praticando degli stop and go per evitare di lievitare). Purtroppo però alle 17 c’è la serrata quasi generale dei negozi. In definitiva ci aspettavamo di più da Salem ed anche da Marble Head.
Andiamo a Danvers per posare le valigie al Days Inn che abbiamo prenotato, è abbastanza scarso, non è al livello degli altri hotel della stessa catena provati in precedenza.
Trascorriamo un oretta e mezza dentro un Wal Mart dai prezzi bassissimi per poi andare a cena da Bugaboo Creek, un ottimo ristorante dove si mangia bene, abbondante e si spende poco.

Qui è disponibile la puntata precedente, mentre qui puoi consultare il programma del viaggio.

2 thoughts on “Dai Minute Men di Concord alle streghe di Salem

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *